Laser Greenlight

La Prostatite
Giugno 17, 2019
IDROCELE – BREVE DESCRIZIONE – INTERVENTO
Giugno 17, 2019

Il laser verde (Green Laser) per il trattamento dell’ipertrofia prostatica.
La vaporizzazione foto selettiva con il Laser Verde per l’I.P.B. può essere considerato il più importante progresso nella chirurgia per l’iperplasia prostatica dell’ultimo decennio.
Questa metodica ha avuto un progressivo miglioramento tecnologico affermandosi nel trattamento dell’adenoma prostatico. Le caratteristiche di questo raggio laser ne consentono l’utilizzo anche nei pazienti che assumono anti-aggreganti e anticoagulanti senza la necessità di dover necessariamente sospendere queste terapie per effettuare l’intervento.
Il Greenlight attraverso un potente raggio laser è in grado di vaporizzare l’adenoma prostatico, questa metodica si chiama Photoselective vaporization of the prostate (PVP). L’elevata potenza del raggio laser Greenlight consente anche il trattamento di prostate voluminose una volta trattate con la chirurgia tradizionale. La procedura avviene endoscopicamente (senza “taglio” chirurgico esterno) transuretrale mediante uno strumento attraverso cui viene inserita una sottile fibra laser e sotto visone diretta si procede alla vaporizzazione dell’adenoma prostatico. Il trattamento richiede dai circa 40 minuti fino alle due ore per le prostate voluminose. Infatti, un’altro vantaggio del laser Greenlight è la capacità di continuare la vaporizzazione delle prostate più grandi per un periodo prolungato di tempo senza doversi preoccupare dei disturbi elettrolitici che si possono avere con l’altra procedura endoscopica con il classico resettore (TURP). Questo perché il Laser Greenlight viene utilizzato con irrigazione salina e non irrigazione di glicerolo (per condurre l’energia elettrica) utilizzato durante la TURP.
Con la maggior parte dei laser la radiazione penetra in profondità nel tessuto, causando gonfiore ed edema. La radiazione del laser Greenlight, invece, essendo più selettiva, penetra solo superficialmente. Ciò significa che i sintomi irritativi sono molto ridotti e il paziente è in grado di recuperare più rapidamente. La selettività del laser Greenlight risiede nel fatto che esso fa vaporare il tessuto prostatico immediatamente e senza emorragie, lasciando un canale urinario ampio che consente da subito un ottimo flusso di urina, consentendo alla vescica di svuotarsi perfettamente.
Pertanto, secondo la letteratura contemporanea, non esiste una procedura migliore della tecnica con il Laser Greenlight per il trattamento dell’ipertrofia prostatica benigna in virtù di molti vantaggi, tra cui:
1) Capacità di erogare la tecnica senza ricovero.
2) Assenza di spargimento di sangue, ideale anche per i pazienti che sono ad alto rischio o in terapia antiaggregante o anticoagulante.
3) Rapido miglioramento dei sintomi.
4) Recupero rapido e ritorno alle normali attività .
5) Tempo di cateterizzazione più breve 24-48 ore.
6) La mancanza di associazione con incontinenza/impotenza o di stess

Bibliografia
1. Malek RS, Kuntzman RS, Barrett DM. Photoselective potassium-titanyl-phosphate laser vaporization of the benign obstructive prostate: observations on long-term outcomes. J Urol. 2005 Oct; 174 (4 Pt 1): 13344-8.

2. Te AE, Malloy TR, Stein BS, Ulchaker JC, Nseyo UO, Hai MA, Malek RS. Photoselective vaporization of the prostate for the treatment of benign prostatic hyperplasia: 12-month resuls from the first United States multicenter prospective trial. J Urol. 2004 Oct; 174(4 Pt 1): 1404-08.

3. Bouchier-Hayes DM, Anderson P, Van Appledorn S, Bugeja P, Costello AJ. A randomised trial comparing Photo-vaporisation and trans-urethral resection of the prostate in patients. J Urol 2005 Apr; 173(4 suppl): 421 abstract 1555.

P.S. Il Dott. Giuseppe Lauria, esegue l’intervento per l’iperplasia prostatica con il Laser Greenlight presso struttura privata di Palermo.